"Laudato si'" e il percorso che conduce al COP22 a Marrakech

cop22

SEMINARIO CONGIUNTO DEL PONTIFICIO CONSIGLIO DI GIUSTIZIA E PACE E DELLA PONTIFICIA ACCADEMIA DELLE SCIENZE
Casina Pio IV, Città del Vaticano, 28 settembre 2016 

NOTA CONCETTUALE

A un anno dalla pubblicazione della Lettera Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco sulla ‘cura della casa comune’, e quasi un anno dopo lo storico accordo denominato COP21, il consenso sull’urgenza di proseguire con coraggio e rapidità continua a crescere. Per molti, ciò significa seguire anche le indicazioni contenute proprio nella Laudato si’ sulla ‘cura della casa comune’.

“Dobbiamo lasciarci guidare dalla scienza e dall’economia, ma soprattutto dobbiamo lasciarci guidare dalla nostra bussola morale” (Direttore Esecutivo di UNFCCC). L’Enciclica Laudato si’ “ci incoraggia con autorità morale a intraprendere azioni più ambiziose e ad accelerare la transizione verso nuovi modelli di crescita”. Con il traguardo del COP22 previsto a Marrakech per metà novembre, ci sembra il momento giusto di esaminare la situazione in maniera interdisciplinare, dal punto di vista scientifico, ambientale, socioeconomico e politico.

La Pontificia Accademia delle Scienze e il Pontificio Consiglio di Giustizia e hanno perciò deciso di convocare una giornata di studio mercoledì 28 settembre 2016 per valutare la recezione e l’impatto della Laudato si’. Accanto ai membri di queste due istituzioni pontificie, illustri studiosi ed esperti di vari settori presenteranno le loro opinioni sull’Enciclica, sul consenso scientifico che riflette, sulla guida morale che offre, e sui cambiamenti economici e sociali che auspica. L'attenzione sarà rivolta particolarmente alle sfide che il COP22 dovrà affrontare durante le sessioni in Marocco dal 7 al 18 novembre 2016.