Erna Möller

moeller2013

Data di nascita 14/3/1940
Luogo Stoccolma (Svezia)
Nomina 6/8/2013
Disciplina Immunologia, Immunologia clinica
Titolo Professore

Principali premi, riconoscimenti e accademie
Membro della Reale Accademia delle Scienze svedese; Membro della Reale Accademia di Scienze ingegneristiche svedese. Presidente della scuola di specializzazione del Karolinska Institutet; Presidente, comitato di ricerca del Huddinge University Hospital; Presidente, Comitato di Microbiologia, MRC e membro del consiglio di MRC; Membro del consiglio di facoltà, Karolinska Institutet; Membro dell'Assemblea del Premio Nobel (fisiologia o medicina) (1987-2009); Presidente, Assemblea del Premio Nobel (2007); Vice Presidente (2006); Direttore, Astra, Svezia (1995-99); Direttore AstraZeneca PLC, Gran Bretagna (1999-2007); Membro del consiglio, European Institute for Innovation and Technology (EIT) (2008-11); Presidente, S.ta Katharinastiftelsen (Katharina Foundation) (2008-). MD honoris causa, Università di Turku e Università di Helsinki, Finlandia. Membro onorario, Società scandinava di immunologia. Cavaliere dell'Ordine finlandese – Vita Rosen; Medaglia d'oro (12° taglia con nastro azzurro) consegnata da Re Carlo-Gustavo di Svezia (2005).

Riassunto dell’attività scientifica
Le sue ricerche vertono sui problemi immunologici che sorgono durante un trapianto di organi tra esseri umani, argomento che ha studiato da vari punti di vista durante tutta la sua carriera. I trapianti comportano non solo rischi immunologici, quali il rigetto, ma pongono inoltre molte questioni etiche, importanti oggi come lo erano negli anni sessanta.
Le ricerche di Erna Möller e di numerosi suoi colleghi più giovani hanno contribuito a una maggiore sicurezza nei trapianti clinici di organi, quali i reni, ma anche al trapianto di cellule staminali, impiegate nel trattamento della leucemia. I loro studi scientifici hanno portato inoltre alla comprensione di una serie di geni che controlla le reazioni immunologiche, non solo nei trapianti, ma che ha un’importanza cruciale nella regolazione delle reazioni immunitarie, per esempio riguardo al rischio di malattie autoimmunitarie.


Pubblicazioni principali
Möller E and Möller G. Quantitative studies of the sensitivity of normal and neoplastic mouse cells to the cytotoxic action of isoantibodies. J. Exp. Med. 115: 527-552, 1962; Möller E. Contact-induced cytoitoxicity by lymphoid cells containing foreign isoantigens. Science 147: 873-879, 1965; Robért K-H, Möller E, Gahrton G, Eriksson H and Nilsson B: B cell activation of peripheral blood lymphocytes from patients with chronic lymphatic leukemia. Clin. Exp. Immunl. 33: 302-308, 1978; Möller E, Carlsson B and Wallin J. Implication of structural class II gene polymorphism for the concept of serologic specificities. Immunol. Rev. 85: 107-128, 1985; Möller E, Böhme, J, Valugerdi MA, Ridderstad A and Olerup O: Speculations on mechanisms of HLA associations with autoimmune diseases and the specificity of ”autoreative” T lymphocytes. Immunol. Rev, 118: 5-19, 1990; Söderberg C, Larsson S, Bergstedt-Lindqvist S and Möller E: Definition of a subset of human peripheral blood mononuclear cells that are permissive to human cytomegalovirus infection. J. Virol 67(3): 3166-3175, 1993; Söderberg C, Sumitran-Karuppan S, Ljungman P and Möller E: CD13-specific autoimmunity in cytomegalovirus-infected immunocompromised patients. Transplantation 61: 594-600 1996; Möller E, Söderberg-Nauclér, C amd Sumitran-Karuppan S: Role of alloimmunity in clinical transplantation. Rev. Immunogenetics 1:309-322, 1999; Lindeborg E, Kumagai-Braesch M, Tibell A and Möller E: Continued production of xenoimmune antibodies 6-8 years after clinical transplantation of fetal pig islet-like cell clusters. Xenotransplantation 11:457-470, 2004; Lindeborg E, Kumagai-Braesch M and Möller E: Phenotypic and functional characterization of human T cell clones indirectly activated against adult pig islet cells. Xenotransplantation 13(1): 41-52, 2006.


Indirizzo

Morabergsvägen 14
Saltsjöbaden SE 133 33
Svezia