Jean-Marie Lehn

lehn2010

Data di nascita: 30 settembre 1939
Luogo: Rosheim (Francia)
Nomina: 30 maggio 1996
Disciplina: Chimica
Titolo: Professore, Premio Nobel in Chimica, 1987

Principali premi, riconoscimenti e accademie
Premi: Medaglia d’oro della Pontificia Accademia delle Scienze (1981); Medaglia d’oro del CNRS (1981); Premio Paracelso della Società Svizzera di Chimica (1982); Alexander von Humboldt Forschungspreis (1983); Premio del Commissariat à l'Energie Atomique, Académie des sciences (1984); Premio Rolf-Sammet, Università di Francoforte (1985); Premio Nobel in Chimica (1987); Premio Karl-Ziegler (1989); Bonner Chemiepreis (1993); Premio 'Ettore Majorana Centre Erice Science for Peace' (1994); Medaglia Davy (1997); Medaglia Lavoisier (1997); Medaglia Messel (1998); Medaglia Giulio Natta (2003). Accademie: Membro o Membro straniero o Membro onorario di 33 Accademie.


Riassunto dell’attività scientifica
Jean-Marie Lehn ha ricevuto il suo Doctorat-ès-Sciences nel 1963 dall'Università di Strasburgo, lavorando nel laboratorio di Guy Ourisson. L'anno seguente ha preso parte al gruppo di Robert Burns Woodward presso l'Università di Harvard, dove ha partecipato alla sintesi totale della vitamina B12. Al suo ritorno a Strasburgo ha iniziato a lavorare in campi alla frontiera tra chimica organica e fisica, interessandosi in seguito anche ai processi biologici. Nel 1970 Lehn è diventato Professore di Chimica all'Università Louis Pasteur di Strasburgo e dal 1979 è stato Professore al Collège de France a Parigi. Il lavoro di ricerca di Jean-Marie Lehn ha portato nel 1968 alla sintesi delle molecole a gabbia che formano i complessi di inclusione, i criptati, con vari metalli ionici. Così è iniziata la sua ricerca sulla base chimica del 'riconoscimento molecolare' (ovvero il modo in cui una molecola ricettore riconosce e si unisce selettivamente ad un sostrato), che ha anche un ruolo fondamentale nei processi biologici. Per questi studi Lehn ha ricevuto il Premio Nobel in Chimica nel 1987. Negli anni 1975-85 ha inoltre fatto ricerche sulla scissione fotochimica dell'acqua e sulla fotosintesi artificiale, che gli sono valse la Medaglia Pio XI della Pontificia Accademia delle Scienze nel 1981. Negli anni, la principale linea di ricerca di Lehn si è espansa fino a comprendere la definizione e l'esplorazione di un nuovo campo di chimica, che ha proposto di chiamare 'chimica sopramolecolare' dal momento che si occupa delle entità complesse formate dall'associazione di una o più specie chimiche tenute insieme da forze intramolecolari, mentre la chimica molecolare studia le caratteristiche delle entità costruite da atomi collegati da legami covalenti. Il suo lavoro ha inoltre studiato la catalisi sopramolecolare, gli enzimi artificiali e i processi di trasporto. Si è esteso ulteriormente alla progettazione di sistemi funzionali molecolari e sopramolecolari appartenenti alle aree dell'elettronica molecolare, ionica e fotonica. Più recentemente una linea principale di sviluppo è stata la progettazione di sistemi "programmati" che si auto-organizzano tramite assemblamento spontaneo di componenti adatti in architetture sopramolecolari ben definite seguendo un piano Aufbau. L'obiettivo a lungo termine è lo studio e la progettazione della materia organizzata e la costruzione progressiva della complessità. I risultati del lavoro di Jean-Marie Lehn sono stati descritti in oltre 700 pubblicazioni scientifiche.

Pubblicazioni principali 
Dietrich, B., Lehn, J.-M., Sauvage, J.-P., Les Cryptates, Tet. Letters, p. 2889 (1969); Lehn, J.-M., Nitrogen inversion: experiment and theory, Fortschritte der chemischen Forschung, 15, p. 311 (1970), Springer-Verlag; Lehn, J.-M., Design of organic complexing agents. Strategies towards properties, Structure and Bonding, 16, p. 1 (1973); Lehn, J.-M., Cryptates: the chemistry of macropolycyclic inclusion complexes, Acc. Chem. Res., 11, p. 49 (1978); Lehn, J.-M., Cryptates: inclusion complexes of macropolycyclic receptor molecules, Pure & Appl. Chem., 50, p. 871, 1978; Lehn, J.-M., Macrocyclic receptor moleculaes: Aspects of chemical reactivity. Investigations into molecular catalysis and transport processes, Pure & Appl. Chem., 51, p. 979 (1979); Lehn, J.-M., Cryptate inclusion complexes. Effects on solute-solute and solute-solvent interactions and on ionic reactivity, Pure & Appl. Chem., 52, p. 2303 (1980); Lehn, J.-M., Chemistry of transport processes - Design of synthetic carrier molecules, Physical Chemistry of Transmembrane Ion Motions (G. Spach, ed.), p. 181 (Elsevier, 1983); Lehn, J.-M., Supramolecular chemistry: Receptors, catalysts and carriers, Science, 227, p. 849 (1985); Lehn, J.-M., Supramolecular chemistry - Scope and perspectives. Molecules, supermolecules, and molecular devices, (Nobel Lecture, 8.12.1987), Angew. Chem. Int. Ed. Engl., 27, pp. 89-112 (1988); Lehn, J.-M., Perspectives in supramolecular chemistry - From molecular recognition towards molecular information processing and self-organization, Angew. Chem. Int. Ed. Engl., 29, p. 1304 (1990); Lehn, J.-M., Supramolecular Chemistry - Concepts and Perspectives, VCH (1995); Lehn, J.-M., Supramolecular chemistry/Science. Some conjectures and perspectives (R. Ungaro, E. Dalcanale, eds), Supramolecular Science: Where It is and Where It is Going, Kluwer Academic Publisher, pp. 287-304 (1999); Lehn, J.-M., Dynamic combinatorial chemistry and virtual combinatorial libraries, Chem. Eur. J., 5, pp. 2455-63 (1999); Lehn, J.-M., Programmed chemical systems: Multiple subprograms and multiple processing/expression of molecular information, Chem. Eur. J., 6, pp. 2097-2102 (2000); Lehn, J.-M., Supramolecular Polymer Chemistry - Scope and Perspectives, Supramolecular Polymers (Alberto Ciferri, ed.), pp. 615-41 (2000); Lehn, J.-M., Toward complex matter: Supramolecular Chemistry and self-organization, Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 99, pp. 4763-8 (2002); O. Ramström, J.-M. Lehn, Dynamic Ligand Assembly, Comprehensive Medicinal Chemistry II, D. Triggle, J. Taylor (eds), Elsevier, Ltd, Oxford, 959-76 (2007); D. Sarazin, M. Schmutz, J.-M. Guenet, A. Petitjean, J.-M. Lehn, Structure of Supramolecular Polymers Generated via Self-Assembly through Hydrogen Bonds, Mol. Cryst. Liq. Cryst., 468, 187-201 (2007); E. Buhler, S.-J. Candau, E. Kolomiets, J.-M. Lehn, Dynamical Properties of Semidilute Solutions of Hydrogen-Bonded Supramolecular Polymers, Physical Review E, 76, 061804-1-061804-8 (2007); N. Sreenivasachary, J.-M. Lehn, Structural Selection in G-Quartet-Based Hydrogels and Controlled Release of Bioactive Molecules, Chem. Asian J., 3, 134-9 (2008); D.T. Hickman, N. Sreenivasachary J.-M. Lehn, Synthesis of Components for the Generation of Constitutional Dynamic Analogues of Nucleic Acids, Helv. Chim. Acta, 91, 1-20 (2008); S. Ulrich, J.-M. Lehn, Reversible switching between macrocyclic and polymeric states by morphological control in a constitutional dynamic system, Angew. Chem. Int. Ed., 47, 2240-3 (2008); A. Petitjean, L.A. Cuccia, M. Schmutz, J.-M. Lehn, Naphthyridine-based helical foldamers and macrocycles: Synthesis, cation binding, and supramolecular assemblies, J. Org. Chem., 73, 2481-95 (2008); G. Pace, A. Petitjean, M.-N. Lalloz-Vogel, J. Harrowfield, J.-M. Lehn, P. Samori, Subnanometer-resolved patterning of bicomponent self-assembled monolayers on Au(111), Angew. Chem. Int. Ed. 47, 2484-8 (2008); Y. Ruff, J.-M. Lehn, Glycodynamers: Dynamic analogs of arabinofuranoside oligosaccharides, Biopolymers, 89, 486-96 (2008); Y. Ruff, J.-M. Lehn, Glycodynamers: Fluorescent dynamic analogues of polysaccharides, Angew. Chem Int. Ed., 47, 3556-9 (2008); M. Barboiu, J.-M. Lehn, Helical Diastereomerism in Self-Organization of Molecular Strands, Rev. Chim. (Bucuresti), 59, 255-9 (2008).

Indirizzo professionale

Université Louis Pasteur
Laboratoire de Chimie Supramoléculaire ISIS-ULP
4, rue Blaise Pascal
F-67000 Strasbourg (France)