Casina Pio IV

casinapioiv01

La sede dell'Accademia è presso la Casina Pio IV, nella Città del Vaticano. Completata nel 1561 come residenza estiva per Papa Pio IV e circondata dagli alberi e dai prati dei giardini vaticani, la Casina è un gioiello ben preservato contenente affreschi, stucchi, mosaici e fontane del 16° secolo.
Un primo progetto dell'impianto architettonico e un inizio di costruzione della Casina vennero compiuti durante il pontificato di Papa Paolo IV Carafa su disegno di Pirro Ligorio. Si trattava di un edificio a un solo piano, con un piazzale antistante e una fonte. Il Carafa probabilmente scelse come architetto ufficiale Pirro Ligorio perché era un appassionato cultore di antichità che durante il pontificato di Giulio III aveva già lavorato alla villa d'Este a Tivoli e per le comuni origini napoletane. Dalla documentazione esistente sappiamo con certezza che quando il 18 agosto 1559 il Pontefice morì, la Casina comprendeva solo il pianterreno senza la torre angolare. E' probabile che sia poi intervenuta un'integrazione di progetto ad opera di Pio IV, che commissionò un ampliamento consistente in una loggia, una galleria, una cappella, tre ambienti ulteriori e un secondo piano, oltre alla decorazione con stucchi, mosaici e pitture dell'intero complesso.

Il cortile ovale
Il centro del complesso di Villa Pia è il cortile ovale che raccorda formalmente i quattro edifici che compongono la Casina. Il suo centro è sottolineato da una vasca con due puttini a cavallo di delfini, eseguita da Jacopo da Casignola e Giovanni da Sant'Agata (1560-64). Sul cortile si affaccia una loggia detta "Museo", o casa delle Muse, dove Ligorio reinterpreta l'iconografia delle Muse con Apollo e Bacco ritratta sui sarcofaghi antichi. Ligorio raffigura nel riquadro di sinistra della facciata Talia (musa della commedia), Urania (astronomia), Tersicore (musa heroica), Mnemosine (memoria), Polimnia (agricoltura). Nella finta finestra centrale Ligorio rappresenta Calliope, la musa della poesia epica o della musica. Nel riquadro di destra troviamo Clio (musa della storia), Erato (poesia amorosa), Melpomene (tragedia), e Euterpe (poesia lirica). Il timpano triangolare è completato da un tondo centrale contenente Aurora, circondata dai segni dello zodiaco e dai quattro cavalli del Sole (Helios): Pyrois, Aeos, Aeton and Phlegon. Affiancano questo tondo due figure femminili: Flora, l'antica dea italica della primavera e Pomona, la ninfa romana. Sopra il timpano triangolare via è la statua della Salus, la personificazione della salute e della conservazione. Tiene in mano una coppa dalla quale si abbevera un serpente che le sta arrotolato intorno al braccio.

L'interno del museo
La volta a botte del Museo contiene affreschi della vita di Mosè: l'Esodo degli Ebrei dall'Egitto, il Passaggio del Mar Rosso e la Salvezza d'Israele dall'esercito egiziano. L'iconografia del Mar Rosso è sempre stata interpretata è sempre stata interpretata come simbolo del battesimo, uno dei temi più importanti della Controriforma e del Concilio di Trento (1545-1563).

La facciata
La ricca decorazione della facciata dell'Accademia, con i suoi triangoli, fregi e rilievi, deriva dalla grande esperienza di Ligorio nell'ornamento di tabernacoli e tombe e dalla sua passione come antiquario studioso e collezionista di monete antiche. E' una tendenza tipica dell'ambiente mediceo dal tempo di Leone X (1513-21). Le figure che popolano la facciata sono Fama, Vittoria, Tevere, Ticino, Pan, Solis, Hegle e Apollo, le Ore, Irene (Pace), Dice (Giustizia) e Eunomia (il buon governo), Ciparisso, e uno scudo decorato con la testa di Medusa. Al centro della facciata vi è lo stemma di Pio IV. All'interno del vestibolo, ma visibile dall'esterno, vi è un bassorilievo di Artemide Efesina.

Il vestibolo
La volta del vestibolo contiene affreschi tratti dalla Genesi quali Il Creatore, la Creazione del cielo e della terra, la Creazione del giorno e della notte, la Creazione di Adamo, la Creazione di Eva, Il Peccato originale, La cacciata dal Paradiso, Caino e Abele, la Presentazione di Eva, Mosè che percuote la roccia, la Raccolta della Manna, Le Offerte di Caino e Abele, Abele pastor ovium, Eva che fila, Adamo che spacca la legna, e i rilievi in stucco di Carità, Fede, Religione e Speranza. Le pareti del vestibolo sono rivestite da mosaico policromo e il pavimento con antichi marmi colorati.

La sala della Sacra Conversazione
Il vestibolo conduce nella sala della Sacra Conversazione, decorata interamente da Federico Barocci tra ottobre 1561 e giugno 1563. Prende il nome dall'affresco nel riquadro centrale della volta a botte, dov'è rappresentata la Sacra Conversazione che ebbe luogo tra la Vergine con il Bambino, San Giovannino, Santa Elisabetta e San Zaccaria. Il resto della volta è riccamente decorato da grottesche e affreschi rappresentanti la Samaritana al pozzo, il Giudizio dell'adultera, Cristo cammina sulle acque e il Battesimo di Cristo.

La sala dell'Annunciazione
L'ultima delle sale del piano inferiore dell'Accademia è la sala dell'Annunciazione, la cui volta contiene una pregevole decorazione a stucco alternata a grottesche, contornata da otto riquadri con le scene della vita di Giuseppe Ebreo: Giuseppe e la moglie di Putifarre, Giuseppe riunito con i fratelli, Giuseppe descrive i suoi sogni ai fratelli e Giuseppe incontra i fratelli a Dotan. Questi riquadri definiscono e mettono in risalto il cuore della volta: l'Annunciazione. Con eterea leggiadria è indicato il momento della conturbatio, del moto di spavento di Maria, perno centrale della scena dell'Annuncazione, provocato dall'irrompere dell'Arcangelo Gabriele.

La cappella
La cappella, a cui si accede dalla sala dell'Annunciazione, è descritta per la prima volta solo nel 1767 e poco sappiamo di essa. La decorazione originaria della volta è rimasta incompleta e sono oggi ancora visibili soltanto otto Apostoli: S. Pietro, S. Paolo, S. Andrea, S. Giovanni, S. Matteo, S. Tommaso, S. Giacomo, S. Simone e due figure femminili, la Chiesa e la Pace.

Lo scalone
Lo scalone che conduce al piano superiore dell'Accademia fu realizzato tra novembre 1561 e giugno 1563 ed è rimasto incompiuto. E' una delle prime e più significative opere di Santi di Tito. La volta reca quattro riquadri raffiguranti i monumenti più signiticativi completati da Pio IV Medici: Villa Pia, il Cortile del Belvedere, Via Flaminia e la Porta del Popolo, e Via Pia e le sculture del Quirinale.

La sala del Getsemani
La prima stanza del piano superiore volge nella sala del Getsemani, terminata da Federico Zuccari intorno al settembre 1563. La volta illustra cinque episodi importanti della vita di Gesù: Gesù nell'Orto del Getsemani, L'ultima cena, la Tentazione nel deserto, la Transfigurazione e Cristo sulla via del Calvario.

La sala Zuccari
L'ultimo ambiente che incontriamo è la sala Zuccari, con il famoso affresco di Federico Zuccari del Matrimonio mistico di Santa Caterina al centro della volta, incorniciata da un fregio che raffigura vari episodi importanti della Bibbia e della vita di Gesù: San Giovanni Battista nel deserto, Giona gettato in mare, San Girolamo penitente, Cristo cammina sulle acque, la Pesca miracolosa, la Tempesta sedata, il Diluvio universale, Davide risparmia Saul, il Passaggio del Mar Rosso e Giuditta e Oloferne.

I nuovi locali
Il 20 dicembre 1931 l'allora Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze, Giuseppe Gianfranceschi, annunciò i piani per l'ampliamento della Casina. L'architetto Giuseppe Momo, al quale fu affidato il progetto, riuscì a risolvere brillantemente il problema di costruire un nuovo edificio condizionato dal pendio del terreno circostante senza sconvolgere la forma del preesistente gioiello rinascimentale. Papa Pio XI fu in grado di inaugurare il nuovo ampliamento, comprendente una galleria e l'aula magna dove si tengono le Sessioni Plenarie dell'Accademia, il 17 dicembre 1933.

Collegamenti

La Casina Pio IV in Vaticano

Guida Storica e Iconografica Maria Losito, Introduzione S.E. Mons. Marcelo Sánchez Sorondo Città... Continua

The Casina Pio IV in the Vatican

Historical and Iconographic Guide Maria Losito, Introduction by H.E. Msgr Marcelo Sánchez... Continua

Gli artisti

Pirro Ligorio (Napoli c. 1510 - Ferrara 1583). Architetto, pittore, scrittore d'arte e antiquario. La sua carriera iniziò nel 1534 a Roma come pittore di soggetti storici e decorazioni a grottesche. Nel 1549, su incarico di Ippolito d'Este, iniziò gli scavi di villa Adriana e progettò, dal 1550 al 1572, la villa d'Este di Tivoli, uno dei primi più significativi esemplari di giardino all'italiana e capolavoro della sua fervida fantasia di scenografo-decoratore. Dal 1558 al 1563 circa realizzò la Casina Pio IV, maturando nel circolo dell'Accademia delle Notti Vaticane i suoi eruditi interessi antiquari raccolti nei Libri delle antichità, continuati presso la corte estense di Ferrara.

Federico Barocci (Urbino 1528/35 - 1612). Pittore. Fu a Roma nel 1555 e nel 1561-63, ove s'inserì nella tradizione raffaellesca che faceva capo a Taddeo Zuccari. Dopo i brillanti esordi della Casina Pio IV lavorò a Urbino e a Perugia, dove avviò un certo manierismo che sembra preludere al Barocco. Tra le sue opere più significative ricordiamo la Madonna del Popolo di Arezzo (1575-1579), ora agli Uffizi, la Vocazione di Sant'Andrea di Bruxelles (1586), il Cristo e la Maddalena di Monaco (1590), e la Beata Michelina della Pinacoteca Vaticana.

Santi di Tito (Sansepolcro 1536 - Firenze 1603). Pittore e architetto. Nella sua arte pittorica ed architettonica il recupero di un realismo neoquattrocentesco di stampo classicista permise il superamento del gusto tardo-manierista. Tra le sue opere più significative ricordiamo la Resurrezione di Lazzaro e l'Annunciazione di Santa Maria Novella e Le sorelle di Fetonte in Palazzo Vecchio a Firenze.

Federico Zuccari (S. Angelo in Vado 1540 - Ancona 1609). Pittore, architetto e trattatista. Fu importante soprattutto per aver affrescato in Santa Maria del Fiore a Firenze la cupola non completata dal Vasari e per aver lavorato in Inghilterra e Spagna. Interessanti e piuttosto eccentriche sono le sue due case a Firenze (1579) e Roma (1590-1598). Un importante saggio della sua attività teorica è il trattato Idea de' pittori, scultori ed architetti (1607), in cui distingue brillantemente il disegno interno (idea) dal disegno esterno (forma).